Barricate e samba a Rio – di Bruno Cava e Rodrigo Bertamè

Dal Brasile, a pochi mesi dalla Coppa del Mondo di Calcio. Residenti della favela resistono agli  sgomberi, le autorità cercano di nascondere la povertà in vista del grande evento sportivo. Una storia di ordinaria repressione contro la povertà e per la gentrification.  Ma anche una storia di strordinaria resistenza. Qui la versione inglese dell’articolo.

 * * * * *

Circondati da musica samba, i residenti della favela Metro Mangueira sono in festa dopo una settimana di conflitto . La piccola comunità si trova vicino alla favela Mangueira  dove 18.000 persone vivono ed è la sede di ” Estacao Primeira de Mangueira “, una famosa scuola di samba, dove musicisti come Jamelao e Cartola hanno composto e suonato. La festa di quella sera, 14 gennaio, è stato chiamata “debris samba” (letteralmente “detriti samba”), organizzata dai residenti con il supporto di attivisti politici.  Lo scopo di tale celebrazione è stato raccogliere donazioni per cibo e vestiti .

Durante l’evento, i partecipanti hanno condiviso i necessari saperi  per organizzare lo streaming dal vivo tramite telefoni cellulari, un know-how strategico per documentare il processo di sfratto brutale che Metro Mangueira ha subito dal 2010. La favela è a soli 500 metri dallo Stadio Maracanà, dove si svolgerà nel mese di luglio la finale di Coppa del Mondo.

Questa è stata la seconda ondata di sfratti che Metro Mangueira ha affrontato. Dal novembre 2010 al dicembre 2013, in nome della Coppa del Mondo, 637 famiglie sono state “reinsediate” nei “recinti” di residenza pubblica. Inizialmente, circa 100 famiglie sono stati collocate in un complesso di edifici a 60 km da Mangueira. Più tardi, dopo molte proteste e resistenze, i residenti sono stati in grado di negoziare il loro trasferimento verso destinazioni più vicine. Tuttavia, mentre i “favelados“ (abitanti della favela) venivano sfrattati, altri stavano arrivando e occupavano le case abbandonate. Alcuni di questi edifici sono stati già semi- demoliti e il governo volutamente non rimuove i detriti in modo da peggiorare le condizioni di vita di coloro che rimangono. I nuovi occupanti sono ancor più poveri di quelli originali e la maggior parte di loro è senza casa.

Attualmente, desolazione è la parola giusta per descrivere la favela: strade piene di spazzatura , detriti, acque reflue, ratti e insetti. In alcuni casi, le persone entrano ed escono dalle loro case attraverso i buchi nei muri. Il sindaco di Rio progetta di trasformare parte dell’area in un centro commerciale per le forniture delle automobili e un’altra parte in un parco ricreativo. Niente di tutto ciò, è, però, destinato alle persone che attualmente vivono nella favela  poiché il governo, dopo lo sgombero dei vecchi residenti, considera chiuso il caso.

Le tensioni sono cominciate e si sono estese nella favela, il 4 gennaio, quando Wellington Sabino, un residente e ambulante di strada, è stato ucciso dalla polizia. Il giorno seguente, una piccola rivolta è esplosa nella favela quando un autobus è stato fermato, svuotato e ridotto in cenere e un viale è stato bloccato per diverse ore. Il 7 gennaio, le forze di polizia sono intervenute di sorpresa e hanno demolito 12 case, con tutti gli arredi degli occupanti all’interno. L’atmosfera era già molto tesa .

La polizia ha fatto ricorso a gas lacrimogeni, spray al pepe e bombe acustiche per liberare la strada al fine di continuare le demolizioni, ma la comunità ha resistito. I manifestanti dalla favela hanno innalzato una barricata, bruciato alcuni degli omnipresenti detriti per contrastare l’avanzata della polizia. Media- attivisti, in diretta streaming con i loro telefoni cellulari, account Twitter e blog sono arrivati ​​per rafforzare le linee di resistenza  e così hanno fatto i manifestanti del Black-Block Style, una forza importante emersa durante l’ondata di proteste del 2013. Gli scontri sono continuati sino all’una di notte. La nuova ondata di sfratti è stata sospesa, almeno per ora .

Nessuno ha ricevuto alcun compenso per lo sgombero e la demolizione della propria casa . E ‘ la procedura standard di Rio: i residenti non ricevono “assegni ” fino a quando le loro case non sono effettivamente demolite e così hanno poco spazio per la trattativa con il governo. Prima degli sfratti, le case erano contrassegnati con un numero, chiamato il ” bacio della morte”, il che significa che l’edificio sarà sottoposto a uno sfratto imminente. Il governo ha affermato che i residenti avevano 15 giorni per spostarsi: in caso contrario, saranno sgomberati con la forza dalla polizia .

Dopo i tentati sgomberi del 7 gennaio, i funzionari governativi hanno deciso di fare un’offerta: un “affitto sociale” di R $ 460 ($ 200) al mese, a carico dello Stato , fino a che non saranno di nuovo “reinsediati ” in complessi abitativi al di fuori della favela. L’offerta ha diviso  il fronte dei possibili sgomberati . Da un lato, l’importo  è  stato considerato troppo basso, dall’altro si crede che sia solo una promessa astratta. I favelados sapevano che l’opzione più probabile era doversi opporre alla polizia.

La situazione nella favela Metro Mangueira è solo un altro di una serie infinita di sgomberi perpetrati dal governo del Brasile in vista della Coppa del Mondo e dei Giochi Olimpici. Secondo un rapporto pubblicato dal Comitato popolare per la Coppa e Giochi Olimpici di Rio  (un forum globale dei movimenti sociali), circa 3.000 famiglie sono state già sgomberate dal maggio 2013, molti delle quali in operazioni violente perpetrate dalla polizia. Più di 8.000 famiglie vivono attualmente in aree contrassegnate in attesa di essere sgomberate . Quasi tutti sono poveri e ogni comunità contrassegnata è una favela .

Di fronte al Maracanà, la favela Metro Mangueira è testimone – ancora una volta – del fatto che la povertà non può essere per nulla tollerata  nella nuova, moderna , sviluppata , “pulita”  Rio de Janeiro. L’insegnamento è semplice: limitare il processo di “gentrification” non è una questione di legge o di procedure democratiche, ma di lotta. Solo una forza di opposizione, sostenuta da una copertura di media alternativi e organizzati, può tracciare una linea di demarcazione di fronte alla insaziabile fame del governo di mettere la povertà fuori dalla vista.

La grande ondata di manifestazioni nel 2013, con i suoi gruppi di autodifesa , media attivismo e di una volontà generale di alzarsi e lottare per i diritti , ha portato la speranza alla favela. Lo spirito di protesta si è diffuso agli abitanti della favelas e alimenta la loro lotta e i loro samba di resistenza .

 Note sugli autori:

Bruno Cava ha un Master in Filosofia del diritto, lavora con il Collettivo  “Direito do Comum” ed è l’autore di “A multidão foi ao deserto; manifestacoes no Brasil em 2013”.

Rodrigo Bertamè è un architetto e un blogger e lavora su progetti di urbanizzazione favela .

Questa voce è stata pubblicata in Lavoro, precarietà, diritti e conflitti, Soggettività e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.